Topi di fogna derattizzazione e pericoli per la salute dell’uomo

Topi di fogna derattizzazione e pericoli per la salute dell’uomo

Topi di fogna derattizzazione e pericoli per la salute dell’uomo poiché Ratti e topi trasmettono malattie  che possono compromettere la vita stessa delle persone.
In particolare i topi di fogna possono trasmettere i germi infettivi per inoculazione, ingestione, inalazione o contatto.

 

 

Topi di fogna derattizzazione e pericoli per la salute dell'uomo

TECNICO DISINFESTATORE IN LINEA: 338.23.57.441

I MIGLIORI GERMICIDI-BATTERICIDI-DISINFETTANTI.

PLURIGEM
BIO SPOT
BACTISINE
GERMO-VIRUS-BATTERI
CREOLINA
SPRAY MEDICAL

Topi di fogna derattizzazione e pericoli per la salute dell’uomo rischi di malattie

 

I topi di fogna possono infettare le persone mediante un vettore come zecche e pulci.
Questi topi avendo assunto il patogeno pungendo i roditori malati trasmettono il virus tramite inoculazione all’uomo.
Questa è una modalità di trasmissione dei virus molto diffusa nelle zoonosi che vedono i roditori coinvolti.


In alternativa i batteri infettivi dei topi di fogna possono essere trasmessi anche attraverso l’inalazione di aerosol, una sospensione di particelle liquide di microscopiche dimensioni che possono essere trasportate a lunga distanza.
In questo modo il topo di fogna può trasmettere sia malattie virali sia malattie batteriche.

Il contagio può avvenire anche tramite il contatto con gli escrementi con la pelle dalla quale il patogeno può infiltrarsi attraverso ferite o piccole lesioni. Molti sono i germi infettivi trasmessi per contatto.
Il caso più conosciuto è quello della Rabbia, la Leptospirosi, la febbre del morso del ratto.

I topi di fogna possono trasmettere l‘infezioni attraverso le contaminazioni di cibi o liquidi. E’ il caso della Toxoplasmosi per quanto riguarda i cibi contaminati.
Per quanto riguarda i liquidi contaminati le malattie sono la Leptospirosi e la Tularemia.

Topi di fogna cosa fare in caso di avvistamenti in casa

In questi casi consigliamo effettuare subito una derattizzazione con tutti i sistemi possibili.
Bisogna agire subito per non lasciare il tempo a ratti e topi di proliferare.
Una volta entrati in casa topi e ratti diffondono ovunque urina ed escrementi. Diffondono cariche batteriche e agenti patogeni che portano sul pelo in tutti gli ambienti.
Se si desidera agire da soli nell’eliminazione dei topi di fogna in casa vi consigliamo di consultare i nostri esperti derattizzatori. Un nostro tecnico sarà al vostro fianco nella risoluzione del problema.
La derattizzazione dei roditori è assolutamente necessaria perché diffondono malattie sia per diretto contatto sia fungendo da vettori per altri organismi.


Topi di fogna e Febbre da morso

Questa malattia di topi o ratti può comparire a seguito del morso del ratto, se questo risultano infetto da particolari germi che si trovano anche  nelle  feci di ratto.
I batteri albergano nel cavo orale e nella faringe dei ratti.
Sono particolarmente sensibili i bambini sotto i 12 anni, soprattutto in aree suburbane o degradate infestate da topi.
La malattia del topo di fogna si manifesta con febbre, vomito, dolori muscolari e articolari, seguiti da lesioni cutanee.
Questi sintomi perdurano per circa una settimana. Possono alternarsi ripetutamente a periodi di remissione della sintomatologia, in assenza di adeguata terapia antibiotica.

Topi di fogna e Leptospirosi

Leptospirosi dei topi e ratti è questa la patologia di più frequente riscontro, legata alla presenza di topi e ratti nell’ambiente.
L’infezione della Leptospirosi è sostenuta da batteri presenti nei reni dei ratti e che attraverso le urine si diffondono nell’ambiente.
Le feci e urine dei topi contaminano svariati  ambienti acquatici ( fosse, rogge, canali). Proprio  in acqua che questi batteri ( Leptospira) possono sopravvivere per mesi.
L’infezione può avvenire mediante l’assunzione di acqua contaminata, ma anche per contatto con acque infette, attraverso microlesioni di cute o mucose.
Solitamente la malattia dei topi e ratti si presenta dopo un periodo di incubazione che varia da 2 a 20 giorni. Sintomi improvvisi di febbre elevata, cefalea con forti dolori muscolari e articolari. Si possono manifestare anche difficoltà respiratoria. In rari casi può avvenire il decesso.

 

Topi di fogna e Salmonellosi

Le infezioni dei topi causate dalla salmonella sono piuttosto comuni sia nell’uomo che nelle più svariate specie animali.
La trasmissione dell’infezione avviene attraverso l’assunzione di cibi o acque contaminate da feci di animali o persone ammalate.

I ratti possono trasmettere salmonelle anche e solo mediante azione meccanica. Vivendo spesso all’interno di ambienti luridi come fogne o pozzi neri, possono veicolare i germi sul proprio mantello.
Il mantello di peli  ovviamente sarà zeppo di batteri e virus provenienti dall’acqua acqua infetta.
In alternativa possono contribuire alla disseminazione dei germi attraverso le feci.
L‘infezione da Salmonella si manifesta con una gastroenterite. Il sintomo caratteristico é una forte diarrea e compare entro 48 ore dall’ingestione di cibo o acqua contaminata.
La gravità dei sintomi varia dai semplici disturbi del tratto gastrointestinale (febbre, dolore addominale, nausea, vomito e diarrea) fino a forme cliniche più gravi.
Nella maggior parte dei casi la malattia ha un decorso benigno e non richiede l’ospedalizzazione. Purtroppo  talvolta l’infezione può aggravarsi al punto tale da rendere necessario il ricovero.

 

Topi di fogna ed infezioni di Rickettsia

Con il termine di Rickettsiosi si indicano alcune malattie sostenute da microrganismi appartenenti al genere rickettsia.
L’unica rickettsiosi endemica in Italia è la Febbre Bottonosa del mediterraneo. La malattia è frequente nelle regioni dell’Italia meridionale e centrale. La malattia è trasmessa all’uomo attraverso la puntura di zecche, che rappresentano veri serbatoi della malattia.
Le zecche a loro volta, possono trasmettere l’infezione ad altri animali, che a loro volta si trasformano in possibili vettori della malattia.
La malattia può trasmettersi anche mediante inalazione di materiale infetto polverizzato (infezione per via respiratoria o congiuntivale).
Si manifesta come forma febbrile, dolori muscolari e articolari, esantema (macule e pustole cutanee) che decorrono per una o due settimane.

Topi di fogna e Peste

Ha ormai solo valore storico menzionare la “morte nera”, diffusasi in Europa verso la metà del XIV secolo. La peste portò catastrofiche conseguenze: si calcola che morì di peste circa un terzo dell’intera popolazione europea.

La malattia oggi è non è ancora debellata, in quanto vengono ancora registrati nel mondo dai 1.000 ai 3.000 casi all’anno. Soprattutto concentrati in Africa e Asia, ma anche nel continente nordamericano (Canada sudoccidentale, Stati Uniti occidentali e meridionali, Messico).

La peste bubbonica dei topi e ratti è sostenuta da un batterio (Yersinia pestis), che alberga e si diffonde all’interno di topi e ratti.
La trasmissione da un ratto all’altro avviene tramite la puntura delle pulci, ma anche, forse, attraverso il morso diretto dei ratti.
La pulce è quindi il vettore della malattia. Questo insetto, che si infetta succhiando il sangue di topi a loro volta già infettati, può, pungendo poi le persone, trasmettere la malattia anche all’uomo.
L’infezione può trasmettersi da uomo a uomo, seppure meno frequentemente, anche attraverso la puntura di altri insetti parassiti, quali pidocchi e cimici.

Topi di fogna e Rabbia

I ratti e i topi, come tutti i mammiferi, possono albergare il virus della rabbia, e trasmetterlo quindi mediante il morso infetto. Eventualità questa piuttosto remota, ma comunque sempre teoricamente possibile.
Ulteriori rischi per la salute pubblica sono la schistosomiasi. Questa è una malattia trasmessa dal ratto che ogni anno infetta circa 40 milioni di persone.
Inoltre segnaliamo come potenziali malattie il tifo murino, la trichinellosi e altre pericolose malattie associate a questi roditori.

Topi di fogna e il ratto delle chiaviche

I sistemi fognari costituiscono un habitat ideale per la proliferazione del ratto delle chiaviche, che proprio a questa caratteristica a colonizzare questi posti deve il suo nome.
Le popolazioni presenti nelle fogne fuoriuscire ed invadere le strade di città, soprattutto quando all’interno delle fogne vi sia una popolazione elevata di ratti.
I fattori che rendono le fognature ambienti ideali alla all’insediamento e alla proliferazione dei ratti sono molteplici.
Innanzitutto nelle fognature non ci sono predatori per i ratti, quindi possono vivere indisturbati. Le condizioni climatiche sono costanti rispetto agli ambienti esterni. Questo avviene soprattutto nelle stagioni invernali quando il clima all’interno delle fogne è mite.  A rendere perfetta la temperatura delle fogne per i ratti si deve aggiungere inoltre il continuo flusso di acque calde o tiepide provenienti dagli scarichi degli appartamenti.

I ratti nelle fogne trovano un clima favorevole anche d’estate, avendo una temperatura decisamente più fresca rispetto all’esterno. Inoltre d’estate dispongono di una maggiore quantità di acqua derivante dagli scarichi.
Nelle fognature i ratti si nutrono di avanzi di cibo provenienti dagli scarichi oppure separando frammenti di cibo rimasti nelle feci dell’uomo.
I ratti delle fogne inoltre trovano abbondante pasto cibandosi di numerosi insetti fognari, soprattutto nei periodi più caldi, come le blatte.
Nonostante questa abbondanza di cibo e il clima favorevole, le popolazioni di ratti non sempre riescono a stare tutte nella rete fognaria. Dipende infatti da come come sono costituite le condutture del sistema fognario. Studi recenti hanno dimostrato che i ratti preferiscono le vecchie condotte fognarie costituite con i mattoni rispetto a quelle moderne.

Trappole per topi e ratti

Danni causati da topi e ratti

Come catturare un topo in casa

Veleni per topi e ratti

Riconoscere ratti e topi

Prevenire la presenza di topi e ratti

Ultrasuoni contro topi e ratti

 

Articoli Correlati

Altri Articoli

    to top