Termiti Reticulitermes Lucifugus Kalotermes Flavicollis

TRAPPOLE PER TERMITI SISTEMA TERMIGARD.

Termiti Reticulitermes Lucifugus Kalotermes Flavicollis

Kalotermes Flavicollis

Termiti Reticulitermes Lucifugus Kalotermes Flavicollis
Kalotermes Flavicollis

Questa specie presenta le forme riproduttive alate di colore scuro, lunghe 10-12 mm, e con il pronoto giallo castano. I soldati, più chiari, grigiastri, raggiungono invece la lunghezza di 7 mm, di cui la metà spetta al grosso capo. Possono essere distinti dall’altra specie italiana, Retuculitermes lucifugus, per il pronoto subrettangolare.

La termite dal collo giallo vive in colonie poco numerose, di solito 400-500 individui (al massimo 1000-2000), formate da una coppia di reali e una casta di soldati presenti in numero costante e ridotto (1 ogni 20-40 individui).

Non esistono gli operai, per cui sono le forme giovanili che si occupano delle operazioni di scavo del nido, della elaborazione delle sostanze che contengono cellulosa e dell’alimentazione delle covate.
La sciamatura si svolge da luglio ad ottobre.

Gli alati volano poco e abitualmente fondano la colonia nelle ferite degli alberi, nel tronco e nei rami, spesso causate, in città, da urti di autovetture.
Queste termiti attaccano il legno morto di diverse latifoglie: platano, gelso, bagolaro, olmo, quercia, robinia, noce, e di alcuni alberi da frutto (olivo, fico, vite).

Più raramente l’attacco è rivolto al legno in opera. In ogni caso il nido è sempre collocato nel legno stesso in superficie, al di fuori del terreno (termite del legno asciutto). L’insetto è diffuso soprattutto nel meridione d’Italia.

Reticulitermes Lucifugus

Termiti Reticulitermes Lucifugus Kalotermes Flavicollis
Reticulitermes Lucifugus

La termite nera, Reticulitermes lucifugus. Gli alati di questa termite sotterranea sono uniformemente nerastri e leggermente più piccoli di quelli della specie precedente (9-11 mm).

I soldati, di color giallastro, sono muniti di un capo robusto dotato di mandibole molto sviluppate; si distinguono da Kalotermes flavicollis per il pronoto a forma di trapezio rovesciato e non rettangolare.
Gli operai sono simili ai soldati ma presentano il capo rotondeggiante.

Ogni colonia è costituita anche da centinaia di migliaia di individui comprendenti operai, soldati e molti reali di complemento. Infatti, nonostante la sciamatura avvenga nei mesi di giugno-luglio, e limitatamente possa proseguire per tutto l’anno, sembra che i reali veri non siano presenti.

Si suppone che nella maggioranza dei casi gli adulti sciamanti non siano in grado di fondare nuove colonie, in quanto avrebbero perso la capacità di sopravvivere alle condizioni ambientali esterne. Le infestazioni si diffondono per propaggine partendo dal terreno.

Questa specie può costruire dei camminamenti protetti aerei (cannelli o camini), ottenuti impastando terra e saliva, per raggiungere nuovi ambienti ove costruire colonie oppure utilizzare materiali di cellulosa (termite del legno umido).
I cannelli, lunghi anche diversi metri, hanno l’aspetto di cordoncini terrosi e corrono da pavimento a soffitto sulle pareti, spingendosi verso l’alto.


    to top