Disinfezione dell’aria e delle superfici

La disinfezione delle superfici nelle aziende alimentari rappresenta un passaggio fondamentale per rispettare le Buone Norme di Fabbricazione. È noto a chi produce alimenti che la corretta sanificazione delle superfici prevede diverse fasi:

1. Lavaggio

2. Detersione

3. Risciacquo

4. Disinfezione

Se con la detersione si ottiene la rimozione della maggior parte dei contaminanti che possono compromettere la qualità degli alimenti, soltanto con la disinfezione si può garantire che i microrganismi dannosi per alimenti e consumatori non costituiscano più un pericolo.

Nelle aziende di produzione di alimenti, la disinfezione è un processo difficile da applicare, perché non è facile raggiungere tutte le superfici che possono essere fonti di contaminazione microbiologica (come le parti interne dei macchinari di produzione e tutte le altre superfici non raggiungibili facilmente dagli addetti alla pulizia). ULTRAD®HA ULTRAD®HA è un aerosol secco biocida per il trattamento battericida e fungicida dei locali e degli impianti per la trasformazione, la conservazione e il trasporto di alimenti. ULTRAD®HA è registrato al Ministero della Salute come Presidio Medico Chirurgico.

COMPOSIZIONE ED AZIONE BIOCIDA Il principio attivo è l’Acido Idrossiacetico (Acido Glicolico) che è un componente naturale della frutta. L’acido glicolico (o acido idrossiacetico) è un acido carbossilico, il più piccolo e più conosciuto appartenente alla classe degli α-idrossi acidi. Come quasi tutti gli acidi si tratta di un composto corrosivo, che a temperatura ambiente si presenta solido, incolore e inodore. I cristalli di acido glicolico sono altamente solubili in acqua.

Anche se può essere creato da un certo tipo di reazione chimica, può essere classificato come un prodotto naturale perché è estratto da canna da zucchero, ananas, barbabietole da zucchero, uva acerba, meloni. Il principio attivo, acido idrossiacetico, essendo aerosol secco costituito da particelle ultraleggere, si diffonde per tutto l’ambiente da disinfettare anche per volumi molto grandi (migliaia di m3) senza alterarne il microclima a differenza degli aerosol umidi i quali, a causa della limitata diffusione delle particelle umide, non risultano indicati per grandi volumi.

Successivamente si ha la fase di aggregazione, in cui le particelle dell’aerosol secco si fissano sui microrganismi e li neutralizzano racchiudendoli in aggregati compatti. Una volta aggregati, i microrganismi vengono distrutti chimicamente dal principio attivo.

Al termine del trattamento il principio attivo si degrada senza lasciare residui e odori.

to top