Ratti e topi portatori di malattie per l’uomo

Ratti e topi portatori di malattie per l’uomo

Ratti e topi portatori di malattie per l’uomo, una delle più diffuse è la Leptospirosi.
Il contagio della Leptospirosi può avvenire per contatto diretto con l’animale portatore della malattia o per contatto indiretto.

Ratti e topi portatori di malattie per l'uomo

TECNICO DISINFESTATORE IN LINEA: 338.23.57.441

Ratti e topi portatori di malattie per l’uomo la Leptospirosi

La Leptospirosi per contagio diretto è meno frequente ed avviene mediante graffi o morsi da parte dei topi o dei ratti.
Il contagio indiretto è invece la forma più diffusa di trasmissione della malattia.
Nella maggior parte dei casi l’infezione  avviene attraverso acque contaminate che penetrano nel corpo umano attraverso ferite o piccole lesioni cutanee.

E’ possibile anche la trasmissione della malattia dei topi e ratti attraverso mucose orali, nasali. Un ruolo pur marginale della trasmissione della malattia  Leptospirosi all’uomo è attribuito anche a zanzare, zecche ed altri insetti entomofagi.

Ratti e topi e il contagio delle infezioni e malattie

Ratti e topi risultano i più grandi disseminatori di  Leptospirosi in particolare il ratto ed il topo di campagna.
Una volta ammalati ratti e topi diventano portatori abituali e principali della malattia. Una volta che i roditori hanno superato la fase acuta della malattia, eliminano la Leptospirosi attraverso le urine contagiando gli ambienti dove transitano.
In base a queste considerazioni si comprende subito il reale pericolo per l’uomo. Ratti e topi possono contaminare con le urine risaie, stalle, fogne, porcilaie.
Una volta avvenuto il contagio della malattia penetra all’interno dell’organismo e raggiunge il circolo sanguigno dove inizia a moltiplicarsi.

Ratti e topi sintomi del contagio della malattia

Dopo circa una o due settimane dal contagio della malattia dei topi e ratti, si hanno le prime manifestazioni sintomatologiche. Febbre elevata, conati di vomito, ittero a carico delle congiuntive, sangue al naso e dolore al fegato.
Le urine
sono caratterizzate da un colore torbido caratterizzato dalla presenza di numerose cellule e a partire dal decimo giorno diventano infettanti.

Alla fase acuta segue, generalmente, un miglioramento. I tempi di guarigione sono sempre piuttosto lunghi. La convalescenza è caratterizzata da anemia ed indebolimento generale.

A questo punto una derattizzazione anche preventiva nelle zone interessate dalla presenza di ratti e topi diventa una priorità.
Affidatevi agli esperti della derattizzazione non esitate a contattarci. Un nostro tecnico sarà a vostra disposizione per ogni chiarimento.

 

 

Articoli Correlati

Altri Articoli

    to top